Regolamento

COOPERATIVA DI GESTIONE ACQUEDOTTO VICINIA DI ZUEL DI SOPRA

REGOLAMENTO

1) Norme per la fornitura dell’acqua

Il presente regolamento disciplina le modalità di fornitura dell’acqua per gli usi domestici, industriali, agricoli e assimilabili. L’utilizzo per usi domestici è da ritenersi prioritario rispetto ad ogni altro uso.

2) Modalità di allacciamento

Il richiedente dovrà presentare domanda scritta indicando le sue necessità idriche, corredata da una pianta del fabbricato completa dei dati catastali e personali ed inoltre del numero del contatore, dopo la delibera del Consiglio di Amministrazione gli verrà indicato il punto del pozzetto, il prezzo di allacciamento e quant’altro fosse necessario. L’onere della fornitura e posa in opera delle condutture di allacciamento dopo il pozzetto di attacco e delle opere accessorie compreso il contatore è al completo carico del richiedente al quale pure incomberà l’onere della manutenzione restando di sua proprietà. Nel caso in cui necessiti la sostituzione del contatore, la stessa sarà a spese della Cooperativa. La Cooperativa si riserva il diritto di non accogliere la domanda di allacciamento o di limitare la quantità di acqua richiesta a suo insindacabile giudizio qualora lo impongano motivazioni di carattere tecnico e di zona. La Cooperativa inoltre non autorizzerà l’allacciamento qualora il fabbricato del richiedente risultasse già allacciato ad altro acquedotto comunale, consorziale o privato.

3) Responsabilità

La Cooperativa concede l’acqua nei limiti della disponibilità della stessa e non assume alcuna responsabilità per interruzioni di fornitura dovute a cause di forza maggiore o a lavori di manutenzione ne per eventuali e momentanei aumenti o diminuzioni del carico dell’acqua nei punti di utilizzazione dovuti a guasti o carenze di erogazione dell’acqua alla fonte, inoltre non assume alcuna responsabilità per danni causati a terzi per inconvenienti che si verificassero nel tratto di condotta dopo il pozzetto, di proprietà del concessionario.

4) Carente disponibilità idrica

In caso di carente disponibilità idrica per avarie alla rete, per diminuito apporto delle sorgenti o per altre cause accidentali, la Cooperativa ha diritto di chiudere provvisoriamente quel numero di diramazioni e derivazioni che ritenesse necessario, escluse quelle per complessi di convivenza e di interesse pubblico, per le quali potrà limitare l’orario d’uso e le quantità d’acqua da erogare nelle 24 ore, dandone comunque tempestivo avviso agli interessati.

5) Limitazioni nell’uso dell’acqua

L’utente può utilizzare l’acqua esclusivamente per uso potabile e domestico. L’acqua fornita va consumata nello stabile o nelle singole unità abitative esistenti al momento della concessione e alle quali la concessione stessa si riferisce. Potrà essere tollerato l’innaffiamento di orti e giardini ed il lavaggio di autovetture, con riserva di vietarne l’attività in particolari condizioni di carenza idrica. E’ vietato all’utente di fare sub concessioni a favore di terzi o approvvigionare altro stabile o unità abitative sia pure attigui, anche se del medesimo proprietario.

6) Contratto

Gli allacciamenti sono subordinati alla stipula di un regolare contratto sull’immobile che si intende servire e con il corredo di idonei grafici dai quali risulti il tracciato della tubazione di allacciamento prevista, inserito nella planimetria mappale della zona e del profilo longitudinale della zona attraversata a partire dal punto di allacciamento fino al punto di utilizzazione. Ad ogni contratto corrisponde l’installazione di un solo contatore. Tutte le spese relative al contratto, iva compresa, quella di registrazione, sona a carico del richiedente. Nessun contratto potrà essere stipulato se prima il richiedente non avrà eseguito il versamento del prezzo di allacciamento compresa le relative marche da bollo. Il contratto di concessione ha la durata di nove anni, ma può essere rescisso mediante disdetta scritta in qualsiasi momento dall’utente nonché da parte della Cooperativa a causa di inadempienze dell’utente. Il contratto alla scadenza si intende rinnovato alle medesime condizioni e per un eguale periodo di tempo se non viene disdettato da una delle parti contraenti.

7) Trasferimento di proprietà

In caso di trasferimento di proprietà dell’immobile servito, l’utente cessante dovrà comunicare per iscritto alla Cooperativa la cessazione ed il nominativo completo del subentrante e la lettura del contatore nonché far pervenire dichiarazione sottoscritta dal subentrante che accetta tutti gli impegni assunti contrattualmente dal cedente.

8) Contatori

L’utente dovrà collocare i contatori muniti di una targhetta di riconoscimento con il nominativo dell’utente aggiornato, in luogo accessibile al personale per la lettura ed i controlli. Per motivi di carattere gestionale sussiste l’obbligo del contatore condominiale. La saracinesca di arresto prima del contatore e quella di scarico ed arresto subito dopo, dovranno essere lasciate a libera disposizione degli incaricati della Cooperativa per le letture periodiche e per eventuali verifiche o interventi che si rendessero necessari. E’ vietato mettere mano ai contatori senza autorizzazione della Cooperativa. Se per qualsiasi causa il contatore mancasse di registrare i consumi oppure le sue indicazioni fossero riconosciute inesatte, il consumo verrà calcolato in base alla media dei due anni precedenti.

9) Rilevazione dei consumi

Ai fini della determinazione dei consumi, l’erogazione del servizio ha inizio dalla data effettiva dell’attivazione del contatore; l’unità di misura utilizzata è il metro cubo. L’utente ha l’obbligo di permettere e facilitare al personale della Cooperativa l’accesso ai contatori per il rilievo dei consumi. In caso di assenza dell’utente al momento della lettura, l’incaricato lascerà una cartolina sulla quale l’utente dovrà riportare i dati dei consumi e successivamente inviarla all’ufficio della Cooperativa secondo le modalità consentite. La lettura dei contatori è normalmente eseguita a intervalli regolari stabiliti dalla Cooperativa, che ha comunque facoltà di eseguire letture supplementari di controllo a vantaggio dell’utente. Normalmente la lettura dei contatori è effettuata una volta all’anno. In caso di accertata impossibilità di rilevare i consumi, sia da parte degli addetti, sia da parte dell’Utente, la fatturazione sarà effettuata sulla base aritmetica dei consumi regolari del biennio precedente o dell’anno precedente in caso di durata minore. In mancanza di questi elementi, si opererà in base ai consumi medi delle utenze aventi le stesse caratteristiche dell’Utente interessato, per il periodo di un anno. Il Gestore potrà cosi effettuare la fatturazione sulla base di tali consumi medi stimati.

10) Tariffe

Le tariffe sia per gli allacciamenti che per i fissi ed consumi sono fissate dal Consiglio di Amministrazione della Cooperativa a suo insindacabile giudizio. La quota fissa sarà fatturata in una rata pertanto il semestre iniziato sarà computato per intero, anche nel caso di non consumo. La fatturazione avverrà sempre suddividendo il consumo secondo fasce tariffarie applicate al consumo reale o al consumo presunto. In casi particolari potranno essere effettuate rateizzazioni sull’importo delle fatture emesse, applicando comunque gli interessi legali. La Cooperativa si riserva il diritto di respingere o meno la richiesta di rateizzazione ed in ogni caso il numero e l’importo delle rate sarà stabilito dalla stessa. Nessun indennizzo o diminuzione di tariffa spetta inoltre agli Utenti per eventuali interruzioni nel servizio di erogazione dell’acqua determinati da eccezionale siccità , da lavori di manutenzione alle opere dell’acquedotto o per lavori di pubblica utilità, dal gelo o da analoghe cause di forza maggiore.

11) Tipo di utenze

Ai fini dell’utilizzazione restano definiti i seguenti tipi di utenza:

a) Uso domestico residenti: comprende i consumi esclusivamente domestici dei residenti.

b) Uso produttivo: comprende i consumi degli stabili destinati esclusivamente alle attività commerciali, artigianali, industriali e servizi, nonché uffici, alberghi, bar e ristoranti ecc.

c) Uso agricolo: comprende i consumi dei fabbricati ad uso rurale.

d) Uso domestico non residenziale: comprende i consumi dei non residenti.

e) Uso cantiere: comprende i consumi delle attività di impresa nella conduzione dei cantieri edili.

f) Uso temporaneo o/e occasionale: mani-festazioni e sagre.

12) Forniture particolari e speciali

Il gestore si riserva la facoltà di concedere forniture straordinarie e temporanee in casi particolari utilizzando collegamenti provvisori alle bocche antincendio o ad altre prese esistenti sulla rete. L’utente dovrà porre estrema cura nel proteggere dal gelo tutta la parte di allacciamento a valle del pozzetto del punto di consegna, per prevenire il congelamento dell’acqua, in caso di basse temperature di carattere persistente, la Cooperativa autorizza ad un lieve scorrimento dal rubinetto che verrà conteggiato a forfait.

13) Condotte

Nel caso la Cooperativa dovesse passare con le condutture principali o derivazioni oppure costruire pozzetti sulla proprietà degli utenti o soci questi dovranno concedere il permesso con il solo obbligo a carico della Cooperativa di risistemare il terreno manomesso e di impegnarsi allo spostamento nei casi di giustificato motivo.

14) Interruzioni e irregolarità del servizio

La Cooperativa non assume alcuna responsabilità per eventuali interruzioni, limitazioni di fornitura o diminuzione di pressione dovute a causa di forza maggiore quali guasti. In nessun caso il titolare del contratto di fornitura avrà diritto al risarcimento dei danni. Solamente in caso di interruzione programmata del servizio, il gestore si impegna a dare preventivo avviso mediante idonee modalità, in funzione del numero di utenze interessate. Pertanto, gli Utenti che per la natura della propria attività o per qualunque altra esigenza richiedano un’assoluta continuità di servizio, dovranno provvedere ad una adeguata riserva con un’autonomia non inferiore a 24 ore. La Cooperativa dovrà comunque provvedere, con sollecitudine, a rimuovere le cause del disservizio.

Sovrappressioni: la Cooperativa non assume alcuna responsabilità per eventuali danni provocati da aumenti di pressione nella rete di distribuzione o da altre cause prevedibili e imprevedibili, qualora l’Utente non abbia provveduto all’installazione di un riduttore di pressione a monte del contatore.

Torbidità: la Cooperativa non assume alcuna responsabilità per l’occasionale presenza di torbidità e depositi nell’acqua erogata, oltre il valore massimo ammissibile, dovuti ad eventi pluviometrici eccezionali , alla riparazione di guasti sulla rete, al prolungato mancato utilizzo del servizio, alla vetustà delle tubazioni di allacciamento della rete di distribuzione.

Riparazioni e manutenzioni sulla rete: in seguito alla temporanea interruzione del servizio, nei primi istanti successivi al riempimento delle condotte si potrebbe verificare un’alterazione della trasparenza dell’acqua a causa della movimentazione di depositi all’interno delle tubature; in tali casi l’Utente dovrà lasciare fluire l’acqua per alcuni minuti fino al ripristino delle normali condizioni di erogazione, senza per questo pretendere dalla Cooperativa una detrazione di consumi utilizzati a tale scopo. La Cooperativa si impegna comunque ad adottare tutte le cautele necessarie per prevenire o comunque limitare i temporanei disservizi di cui ai punti precedenti.

15) Divieti

E’ rigorosamente vietato a chiunque di manovrare saracinesche, smontare contatori, modificare gli impianti esterni, aprire idranti antincendio, senza il preventivo consenso della Cooperativa.

16) Revoca

E’ facoltà della Cooperativa revocare in qualsiasi momento la concessione quando dovessero verificarsi infrazioni da parte dell’utente al presente regolamento ed anche per mancato pagamento entro i termini fissati. La revoca verrà formalizzata, previa contestazioni dell’infrazioni all’utente e, in caso di ulteriore inadempienza entro il termine perentorio posto con raccomandata A.R., con la successiva sospensione dell’erogazione.

17) Sopralluoghi e verifiche

Risulteranno a carico dell’Utente gli interventi conseguenti a richieste inoltrate alla Cooperativa per verificare cause di inconvenienti nel servizio di erogazione qualora dette cause risultino non imputabili alla Cooperativa stessa.

18) Mancato pagamento

Il Gestore, in caso di mancato adempimento, invia all’utente, mediante raccomandata A.R. idoneo sollecito di pagamento, indicante gli estremi della fattura sollecitata. In caso di perdurante grave inadempimento da parte dell’Utente nel pagamento delle fatture, decorso il termine previsto nel sollecito, la Cooperativa ha diritto di procedere alla riduzione ove possibile o alla sospensione della fornitura dell’acqua, previa comunicazione raccomandata A.R. come previsto dall’art. 1565 del Codice Civile, alla risoluzione unilaterale del contratto di concessione, ed al recupero dei credito tramite riscossione coattiva in un’unica rata secondo le disposizioni previste dal D.P.R. n. 43 del 28/01/1988. L’Utente moroso non può pretendere nessun risarcimento di danno derivante dalla sospensione dell’erogazione rimanendo la Cooperativa esonerata da ogni responsabilità civile e penale per eventuali danni a cose o persone che da ciò potesse derivare. Per il ripristino dell’erogazione, l’Utente è tenuto previamente a pagare le ulteriori spese per la rimessa in servizio degli impianti e per le azioni svolte dalla Cooperativa a tutela di propri diritti. La Cooperativa ha pertanto sempre il diritto di sugellare o rimuovere il contatore nel caso di gravi inadempimenti tra i quali la persistente insistenza dell’Utente o quando l’uso dell’acqua fosse stato riattivato abusivamente mediante apertura di rubinetti o rotture di sigilli, salva sempre ogni azione legale a riguardo.

19) Soci

Trasferimento di proprietà

E’ valido quanto espresso dall’art. 11 dello Statuto.

Ampliamento di fabbricato o trasformazione di un rustico di proprietà di un socio della Cooperativa: è valido quanto espresso dall’art. 11 dello Statuto.

Tariffe

I soci godranno di mc. 500 annui a titolo gratuito per cadauno socio. Le tariffe del fisso e del consumo saranno addebitate al 50% dal prezzo praticato agli utenti.

Tutte le altre clausole previste nel presente regolamento valgono anche per i soci.

20) Per quanto non previsto dal presente regolamento valgono le norme sancite dallo Statuto Sociale e le disposizioni di legge.

Il Consiglio di Amministrazione

Cortina d’Ampezzo lì, 26 aprile 2017

Back to top